XagenaNewsletter
Dermabase.it
Medical Meeting
Xagena Mappa

Teprotumumab riduce la proptosi e la diplopia nell'orbitopatia di Graves


Un anticorpo monoclonale umano sperimentale ha ridotto drasticamente i sintomi più debilitanti dell'orbitopatia di Graves, tra cui la proptosi e la diplopia.

Secondo i dati dello studio di fase III OPTIC, gli adulti con orbitopatia di Graves attiva trattati con l'anticorpo Teprotumumab per 21 settimane hanno sperimentato una riduzione della proptosi media di 2.82 mm a 24 settimane rispetto a una media di 0.54 mm per quelli assegnati al placebo, con differenze tra i gruppi nella riduzione della proptosi osservata in tutti i momenti di studio.
Altri sintomi associati alla patologia, tra cui infiammazione, dolore, gonfiore e arrossamento, sono stati anche ridotti per i pazienti assegnati a Teprotumumab rispetto al placebo.
La proptosi è la principale causa di morbilità nella patologia oculare da disfunzione tiroidea.

La malattia tiroidea dell'occhio è più comunemente associata all'ipertiroidismo da malattia di Graves, ma può anche essere associata alla tiroidite di Hashimoto.
Entro 18 mesi dalla diagnosi di malattia di Graves, circa l'80% dei pazienti svilupperà la malattia dell'occhio tiroideo, con una serie di sintomi, tra cui proptosi, retrazione palpebrale, strabismo, neuropatia ottica compressiva, e scarsa qualità di vita complessiva.

Nello studio OPTIC sono stati analizzati i dati di 83 pazienti con orbitopatia di Graves attiva assegnati casualmente a una infusione per via endovenosa di Teprotumumab, un inibitore mirato del recettore di IGF-1 ( fattore di crescita insulino-simile I ) ( n = 41; età, 52 anni; 70.7% donne, 85.4% razza bianca ), oppure placebo ( n = 42, età media, 49 anni; 73.8% donne, 88.1% razza bianca ) ogni 3 settimane per 21 settimane.
Il tempo mediano dalla diagnosi di malattia di Graves è stato di 1.04 anni per il gruppo Teprotumumab e di 0.9 anni per il gruppo placebo; 78% e 81%, rispettivamente, erano non-fumatori in ciascun gruppo.

L'endpoint primario dello studio era una riduzione di 2 mm o più della proptosi nell'occhio studiato, senza deterioramento oculare, alla settimana 24.

La differenza tra i gruppi Teprotumumab e placebo nella riduzione della proptosi dal basale alla settimana 6 ( media, -2 mm vs -0.38 mm ), settimana 12 ( media, -2.7 mm vs -0.64 mm ), settimana 18 ( media, -3.26 mm vs -0.59 mm ) e settimana 24 ( media, -3.32 mm vs -0.53 mm ).

I pazienti trattati con Teprotumumab hanno avuto un tasso di risposta globale del 78% rispetto al 7.1% nel gruppo placebo alla settimana 24 ( P inferiore a 0.001 ) con un più alto tasso di risposta osservata per Teprotumumab in tutti i periodi dello studio.

L'effetto è stato maggiore nei pazienti affetti dalla forma più grave della malattia.

Il profilo di sicurezza di Teprotumumab nello studio di fase 3 è stato simile a quello osservato durante lo studio di fase 2.
Gli eventi avversi più comunemente riportati sono stati spasmi muscolari ( 31.7% ), seguiti da potenziali reazioni correlate all'infusione ( 14.6% ), diarrea ( 9.8% ) e deficit uditivi ( 9.8% ), tutti considerati da lievi a moderati.

Dallo studio è emersa una significativa riduzione della proptosi grazie al trattamento con Teprotumumab.
Il targeting del recettore IGF-I è fondamentale per il trattamento della malattia tiroidea dell'occhio.
La terapia, se approvata, potrebbe potenzialmente sostituire la chirurgia per molti pazienti, compresi quelli con malattia più avanzata.
Gli interventi chirurgici sono associati a rischio di provocare una doppia visione ( diplopia ). Inoltre, spesso sono necessari da cinque a sette interventi chirurgici per migliorare la malattia oculare. ( Xagena2019 )

Fonte: American Association of Clinical Endocrinologists ( AACE ) Annual Congress, 2019

Endo2019 Oftalm2019 Farma2019


Indietro