Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Onco News

Storia naturale, trattamento e follow-up a lungo termine dei pazienti con neoplasia endocrina multipla di tipo 2B


La neoplasia endocrina multipla di tipo 2B è una sindrome rara causata principalmente dalla mutazione RET della linea germinale Met918Thr e caratterizzata da carcinoma midollare della tiroide, feocromocitoma e caratteristiche extra-endocrine.
I dati sulla storia naturale della neoplasia endocrina multipla di tipo 2B sono pochi.
Si è cercato di far progredire la comprensione del fenotipo e della storia naturale delle neoplasie endocrine multiple di tipo 2B, per migliorarne l'individuazione e aumentare la consapevolezza.

È stato condotto uno studio retrospettivo, multicentrico, internazionale nei pazienti portatori della variante RET Met918Thr senza limiti di età.
Lo studio è stato condotto con i dati del registro di 48 Centri a livello globale.
I dati dei pazienti seguiti dal 1970 al 2016 sono stati recuperati dal 2016 al 2018.

L'obiettivo principale era quello di determinare la sopravvivenza globale e la sopravvivenza specifica al carcinoma midollare della tiroide in base al fatto che il paziente fosse stato sottoposto a tiroidectomia precoce prima dell'età di 1 anno.
Sono state anche valutate la remissione del carcinoma midollare della tiroide, l'incidenza e il trattamento del feocromocitoma e la penetranza delle caratteristiche extra-endocrine.

Sono stati inclusi 345 pazienti, di cui 338 ( 98% ) hanno subito una tiroidectomia. 71 pazienti ( 21% ) della coorte totale sono deceduti a un'età media di 25 anni.
La tiroidectomia è stata effettuata prima dell'età di 1 anno in 20 pazienti, portando a una remissione a lungo termine ( livello di calcitonina non-rilevabile ) in 15 su 18 individui ( 83%; 2 pazienti sono deceduti per cause non-correlate al carcinoma midollare della tiroide ).

Le curve di sopravvivenza specifiche per carcinoma midollare della tiroide non hanno mostrato alcuna differenza significativa tra i pazienti con tiroidectomia prima o dopo 1 anno ( confronto delle curve di sopravvivenza mediante test log-rank: P=0.2, hazard ratio, HR=0.35 ).
Tuttavia c’è stata una differenza significativa nello stato di remissione tra i pazienti sottoposti a tiroidectomia prima e dopo l'età di 1 anno ( P minore di 0.0001 ).

Negli altri 318 pazienti sottoposti a tiroidectomia dopo 1 anno di età, la remissione biochimica e strutturale è stata ottenuta in 47 soggetti su 318 ( 15% ).
Il feocromocitoma bilaterale è stato diagnosticato in 156 pazienti su 313 ( 50% ) di 28 anni.
La chirurgia del surrene è stata effettuata in 31 pazienti: 3 su 31 ( 10% ) hanno presentato una recidiva a lungo termine, mentre una funzione surrenale normale è stata raggiunta in 16 pazienti ( 62% ).

Tutti i pazienti con dati disponibili ( n=287 ) presentavano almeno una caratteristica extra-endocrina, tra cui 106 pazienti su 190 ( 56% ) mostravano habitus marfanoide, neuromi della mucosa e segni gastrointestinali.

La tiroidectomia eseguita entro e non oltre 1 anno di età è associata a un'alta probabilità di guarigione.
La realtà è che la maggior parte dei bambini con la sindrome viene diagnosticata dopo questa età consigliata.
La chirurgia del surrene è praticabile in molte neoplasie endocrine di tipo 2B e offre buone possibilità di ottenere una normale funzione surrenale.

Per migliorare la prognosi di tali pazienti, è fondamentale che ogni operatore sanitario sia a conoscenza dei segni extra-endocrini e della storia naturale di questa sindrome rara.
Le implicazioni di questa ricerca includono la crescente consapevolezza sui sintomi extra-endocrini e anche le raccomandazioni per la tiroidectomia prima dell'età di 1 anno. ( Xagena2019 )

Castinetti F et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 213-220

Endo2019 Onco2019



Indietro