Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Reumabase.it

Normalli livelli di ormone paratiroideo non escludono ipoparatiroidismo permanente dopo tiroidectomia


L'ipoparatiroidismo permanente è diventata la più comune e grave complicanza dopo chirurgia della tiroide.

In base all'esperienza, alcuni pazienti sono affetti da ipocalcemia permanente e da sintomi correlati, nonostante abbiano valori normali dell'ormone paratiroideo ( PTH ) dopo l'intervento chirurgico alla tiroide.

È stato intrapreso uno studio per valutare, nei pazienti ipocalcemici da lungo tempo e con normali valori di PTH, in che misura la funzione delle paratiroidi fosse stata compromessa dalla tiroidectomia, e per determinare se le irregolarità del metabolismo osseo e del calcio fossero associate a questo fenomeno.

Sono stati seguiti 8 pazienti con livelli di PTH normali e livelli di calcio subnormali con follow-up di 2 mesi dopo l'intervento alla tiroide.

I parametri di esito sono stati PTH intra-e post-operatorio e cinetica del calcio, e i seguenti marcatori del metabolismo del calcio e dell'osso per un follow-up a lungo termine: calcemia, albuminemia totale, calcio ionizzato, magnesio, PTH, 25-idrossivitamina D, 1-25-diidrossivitamina D, calciuria, creatinina urinaria, osteocalcina, telopeptide C-terminale del collagene di tipo I e fosfatasi alcalina.

Tutti i pazienti avevano livelli di calcio e PTH normali prima dell'operazione.
Il calo intraoperatorio del PTH è stato maggiore del 90%; il picco più basso ( 3.3% del valore pre-operatorio ) è stato raggiunto 3 ore dopo l'intervento.

I pazienti sono stati sottoposti alla determinazione completa dei parametri del metabolismo osseo durante un follow-up di 13.8 mesi dopo l'intervento.

L’ipocalcemia è stata rilevata in tutti e 8 i pazienti, così come i livelli di PTH entro il range normale.
In 3 pazienti ( 37.5% ) nessuno degli altri parametri è stato modificato.
Nei restanti 5 pazienti sono state trovate solo anomalie isolate nei parametri del metabolismo osseo e del calcio ( ad esempio, alterazioni nel calcio urinario, tireotropina, 25-idrossivitamina D, osteocalcina e telopeptide C-terminale del collagene di tipo I ).

In conclusione, una lesione intraoperatoria delle ghiandole paratiroidi o della loro vascolarizzazione è il fattore che probabilmente contribuisce allo sviluppo di ipocalcemia permanente con valori normali di PTH dopo l'intervento chirurgico alla tiroide.
Il tessuto paratiroideo residuo è sottoposto ad uno stimolo massimo dall'ipocalcemia e, quindi, è in grado di mantenere i valori di PTH nel range di normalità. Questi valori sono però ancora troppo bassi per ristabilire i normali livelli sierici di calcio.
In questi pazienti, il termine ipoparatiroidismo potrebbe essere sostituito con insufficienza delle paratiroidi. ( Xagena2011 )

Promberger R et al, Thyroid 2011; 21: 145-150


Endo2011 Chiru2011



Indietro