Dermabase.it
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

Nessun beneficio in termini di sopravvivenza con la somministrazione precoce di Iodio radioattivo nel carcinoma tiroideo ad alto rischio


Nei pazienti con carcinoma papillare della tiroide a rischio intermedio o alto non è stato riscontrato un aumento del beneficio di sopravvivenza generale o sopravvivenza libera da malattia quando sottoposti a terapia ritardata versus terapia precoce con Iodio radioattivo dopo tiroidectomia.

In uno studio retrospettivo, sono stati analizzati i dati di 720 pazienti con carcinoma papillare della tiroide a rischio intermedio o ad alto rischio sottoposti a tiroidectomia totale e che avevano ricevuto il loro primo trattamento con Iodio radioattivo nel periodo 2000-2002 presso il Centro medico Asan in Sud Corea.
I pazienti sono stati stratificati secondo i tempi del primo trattamento con Iodio radioattivo post-tiroidectomia: un gruppo sottoposto a terapia precoce con Iodio radioattivo meno di 90 giorni dopo l'intervento chirurgico alla tiroide ( n = 360, età media, 47 anni, 14% uomini ) [ gruppo precoce ] e un gruppo sottoposto a trattamento ritardato tra 90 e 180 giorni dopo l'intervento chirurgico alla tiroide ( n = 360, età media, 48 anni, 22% uomini ) [ gruppo ritardo ].

L'outcome primario era la risposta iniziale alla terapia entro 2 anni dal follow-up, classificata come eccellente, indeterminata, risposta biochimica incompleta o risposta strutturale incompleta, basata sulla tireoglobulina sierica, livelli di anticorpi tiroidei e analisi di imaging.
Gli esiti secondari erano la recidiva di malattia e la mortalità.

Dopo 2 anni di follow-up, il numero di pazienti classificati come eccellenti, indeterminati, e con risposta biochimica e strutturale, incompleta, erano, rispettivamente, 221 ( 61% ), 74 ( 21% ), 39 ( 11% ) e 26 ( 7% ) nel gruppo precoce, e 204 ( 57% ), 73 ( 20% ), 59 ( 16% ) e 24 ( 7% ) nel gruppo ritardo.
Non ci sono state differenze tra i gruppi di trattamento precoce rispetto a quelli ritardo in risposta alla terapia iniziale basata sulla stratificazione del rischio dinamico.

Durante una mediana di 8.6 anni di follow-up, non sono state osservate differenze tra i gruppi nelle curve di sopravvivenza libera da malattia o di sopravvivenza globale.
La terapia ritardata con Iodio radioattivo non è stata associata a peggiore sopravvivenza libera da malattia ( hazard ratio, HR = 1.3; IC 95%, 0.9-1.8 ) o sopravvivenza globale ( HR = 1.5; IC 95%, 0.6-3.4 ).

Sono necessari ulteriori studi per fornire un intervallo di tempo appropriato tra la chirurgia della tiroide e la prima terapia con Iodio radioattivo; il timore sulla somministrazione urgente di Iodio radioattivo non sono giustificate.
Pertanto, può essere sicuro effettuare la prima somministrazione di Iodio radioattivo in qualsiasi momento fino a 180 giorni dopo la tiroidectomia totale, anche in pazienti ad alto rischio. ( Xagena2019 )

Fonte: Clinical Endocrinology, 2019

Endo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro