Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Farmaexplorer.it

L’emopoiesi clonale correlata allo Iodio radioattivo nel cancro della tiroide è comune ed è associata a una ridotta sopravvivenza


Lo Iodio radioattivo ( RAI ) è stato associato epidemiologicamente allo sviluppo di neoplasie ematologiche.
L'emopoiesi clonale è uno stato di precursore clonale che conferisce un aumento del rischio di leucemia e si manifesta a un tasso elevato nei pazienti con carcinoma tiroideo rispetto ad altri tumori solidi.

Si è cercato di capire se l'alta prevalenza di emopoiesi clonale possa essere il risultato dell'esposizione a Iodio radioattivo e se l'emopoiesi clonale possa essere un surrogato nell'associazione tra Iodio radioattivo e leucemia.

Sono stati valuti l'emopoiesi clonale, il potenziale driver dell'emopoiesi clonale, e la sopravvivenza globale in 279 pazienti con carcinoma tiroideo avanzato.

La prevalenza dell'emopoiesi clonale nei pazienti con carcinoma tiroideo è stata del 37% e quella di potenziale driver di emopoiesi clonale è stata del 5.2%.

L'età era il più forte predittore di emopoiesi clonale e di potenziale driver di emopoiesi clonale. Per ogni anno di aumento dell'età, c'è stato un incremento del 5% e del 13%, rispettivamente, delle probabilità di emopoiesi clonale e di potenziale driver di emopoiesi clonale.

La dose di Iodio radioattivo è risultata significativamente associata a emopoiesi clonale e a potenziale driver di emopoiesi clonale, anche dopo aggiustamento per età, radioterapia a fasci esterni e chemioterapia.

Per ogni aumento di 10 mCi della dose di Iodio radioattivo somministrata, c'era, rispettivamente, un incremento del 2% e del 4% delle probabilità di emopoiesi clonale e di potenziale driver di emopoiesi clonale.

I pazienti con potenziale driver di emopoiesi clonale precedentemente esposti a Iodio radioattivo hanno presentato una sopravvivenza significativamente più ridotta, anche quando si è stratificato per età ( frequenza cardiaca=3.75, P=0.02 ).

In conclusione, lo Iodio radioattivo è risultato associato a un'alta prevalenza di emopoiesi clonale; l'emopoiesi clonale è uno stato precursore di neoplasie ematologiche.
Le implicazioni di questo studio possono favorire l'identificazione di emopoiesi clonale nei pazienti in cui i rischi potrebbero superare i benefici della terapia con Iodio radioattivo per il carcinoma tiroideo. ( Xagena2018 )

Boucai L et al, Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2018; 103: 4216-4223

Onco2018 Endo2018 Emo2018 Farma2018


Indietro