Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Pneumobase.it

Le statine aumentano il rischio di diabete mellito nelle donne in postmenopausa


Le donne anziane che assumono le statine ( anche note come inibitori dell’HMG-CoA reduttasi ) possono essere ad aumentato rischio di sviluppare diabete mellito di tipo 2.

In un'analisi dei dati del Women Health Initiative ( WHS ), le donne in post-menopausa che erano in trattamento con una statina al momento di entrare nello studio avevano un rischio di quasi il 50% in più alto di diabete rispetto a coloro che non stavano assumendo questi farmaci ipocolesterolemizzanti.

Recenti ricerche avevano suggerito un potenziale legame tra statine e lo sviluppo di diabete. In particolare una meta-analisi aveva trovato un rischio aumentato del 9% con l'uso di statine ( QJM 2011 ).

Yunsheng Ma ( University of Massachusetts School of Medicine ) e colleghi hanno esaminato i dati dello studio WHI per valutare il rischio di diabete nelle donne in postmenopausa, trattate con le statine.

Sono stati esaminati i dati di 153.840 donne, età media 63 anni, che non soffrivano di diabete mellito quando erano state arruolate nello studio nel 1993.
Circa il 7% di queste donne stava assumendo le statine.

Nel corso del periodo osservazionale ( con termine nel 2005 ), ci sono stati 10.242 casi di diabete di tipo 2 di nuova insorgenza.

Nelle analisi iniziali, i ricercatori hanno scoperto che l'uso delle statine al basale era associato a un aumentato rischio di diabete mellito ( hazard ratio, HR=1.71 ), e che l'associazione era rimasta significativa nelle analisi multivariate per età, razza e peso ( HR=1.48 ).

Il rischio è stato riscontrato con tutti i tipi di statine, e pertanto sembra essere un effetto di classe.

I ricercatori hanno anche scoperto che l'obesità appare svolgere un ruolo protettivo nei confronti della malattia; l'uso delle statine era associato ad un più alto rischio di diabete mellito nelle donne con un indice di massa corporea ( BMI ) al di sotto di 25, rispetto alle donne che avevano un indice BMI di 30 o superiore.

Le differenze nel fenotipo, come la distribuzione del peso, possono spiegare l'associazione tra inibitori dell’HMG-CoA reduttasi e la malattia diabetica.

Il rischio di diabete mellito era anche altrettanto elevato nelle donne con e senza malattia cardiaca, ed era simile, se le donne facevano uso di statine ad alta o a bassa potenza ( rispettivamente, HR=1.45 e HR=1.48 ).

Secondo i ricercatori, le statine sono prescritte anche quando non sono indicate. I pazienti devono assumere una statina solo se non possono controllare i propri livelli di colesterolo attraverso un intervento dietetico; inoltre, una volta che sono in trattamento dovrebbero comunque continuare a mantenere uno stile di vita adeguato.
Le donne che stanno assumendo le statine dovrebbero essere sottoposte a monitoraggio della glicemia, assieme a test di funzionalità epatica. ( Xagena2012 )

Fonte : Archives of Internal Medicine, 2012



Endo2012 Cardio2012 Farma2012


Indietro