Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Farmaexplorer.it

La terapia di sostituzione con Ormone della Crescita negli adulti può causare edema


Sebbene il trattamento con l’Ormone della Crescita negli adulti possa ridurre il grasso corporeo e aiutare i pazienti a perdere peso, la terapia di sostituzione può aumentare il rischio di edema.
Uno studio ha mostrato che i pazienti in terapia a lungo termine hanno avuto una probabilità di presentare un edema, richiedente trattamento, maggiore di 6 volte rispetto ai controlli.

I rischi e i benefici della terapia di sostituzione dell’Ormone della Crescita negli adulti restano poco chiari; per questo motivo è stata condotta una revisione e una meta-analisi di studi mirati a determinare gli effetti del trattamento su peso, indice di massa corporea, densità minerale ossea, composizione corporea e qualità di vita.

L’analisi ha riguardato 30 studi randomizzati e controllati con più di 1400 pazienti.

Complessivamente, il trattamento è stato associato a significative riduzioni di peso e contenuto di grasso corporeo, con pazienti che hanno perso in media 2.39 kg e hanno ridotto il grasso corporeo in media di 1.91 kg, rispetto ai risultati raggiunti col placebo.

C’è stata anche una tendenza a una riduzione dell’indice di massa corporea ( BMI ), ma questo valore non è risultato significativo.

Non sono stati rilevati effetti sulla densità minerale ossea.

Non sono stati registrati effetti sulla recidiva di tumori pre-esistenti associati alla terapia di sostituzione dell’Ormone della Crescita.
Tuttavia è stata notata una tendenza verso un aumento del rischio della sindrome del tunnel carpale e della rigidità articolare, seppure non significativa.

Per contro, l’aumento del rischio di edema è risultato significativo ( RR=6.36 ).
La ritenzione di liquidi è un effetto avverso della terapia di sostituzione a base di Ormone della Crescita negli adulti, che può spiegare le osservazioni relative all’edema e alla sindrome del tunnel carpale, così come altre rilevazioni di dolore muscolare e articolare.

Si è cercato di stabilire gli esiti relativi alla qualità di vita, ma i dati disponibili erano troppo eterogenei per essere utilizzati in analisi raggruppate.
Uno studio ha riportato un miglioramento statisticamente significativo in almeno una sottosezione di valutazione della qualità di vita tra i pazienti in terapia rispetto a quelli trattati con placebo. ( Xagena2011 )

Fonte: Endocrine Society Meeting – ENDO, 2011


Endo2011 Farma2011


Indietro