Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

La supplementazione con Selenio nei pazienti con tiroidite autoimmune riduce i livelli degli anticorpi antiperossidasi


Nelle aree con grave deficienza di selenio c’è una maggiore incidenza di tiroidite, dovuta ad una ridotta attività del glutatione perossidasi selenio-dipendente all’interno delle cellule tiroidee.
Gli enzimi selenio-dipendenti intervengono anche nei processi immunitari.
Pertanto anche una lieve deficienza di selenio può contribuire allo sviluppo e al mantenimento delle malattie tiroidee autoimmuni.
I Ricercatori del Dipartimento di Endocrinologia del Medizinische Klinik Innenstadt dell’University of Munich ( Germania ) hanno compiuto uno studio controllato con placebo , in cieco , prospettico su 70 donne , d’età media 47,5 anni ( +/- 0,7 anni ) con tiroidite autoimmune ed anticorpi antperossidasi ( TPOAb ) con valori superiori a 350 UI/ml.
L’end point primario dello studio era rappresentato da cambiamenti nelle concentrazioni di TPOAb , mentre l’end point secondario da cambiamenti nei livelli di TgAb , TSH e nell’ormone tiroideo libero.
I pazienti sono stati randomizzati in due gruppi: 36 pazienti hanno ricevuto 200 microg ( 2,53 micromol ) di selenio/die per os , per 3 mesi ; 34 pazienti hanno invece ricevuto placebo.
Tutti i pazienti sono stati trattati con terapia sostitutiva LT-4 per mantenere il TSH entro il normale range.
La concentrazione media di TPOAb si è ridotta in modo significativo al 63,6% ( p = 0.013 ) nel gruppo selenio contro l’88% ( p = 0.95 ) nel gruppo placebo.
Una sottoanalisi dei pazienti con TPOAb maggiore di 1.200 UI/ml ha evidenziato una riduzione media del 40% nei pazienti trattati con il selenio rispetto ad un aumento del 10% nel TPOAb nel gruppo placebo.
Le concentrazioni di anticorpi antitireoglobulina ( TgAb ) sono risultate più basse nel gruppo placebo all’inizio dello studio e si sono ridotte in modo significativo successivamente ( p = 0,018 ) , mentre sono rimaste immodificate nel gruppo selenio.
Nove pazienti trattati con selenio hanno normalizzato completamente le concentrazioni anticorpali rispetto a soli 2 pazienti con il placebo ( p = 0,01 ).
I livelli medi di TSH , T4 libero e T3 libero sono rimasti immodificati in entrambi i gruppi.
Da questo studio emerge che la supplementazione con selenio può migliorare l’attività antinfiammatoria nei pazienti con tiroidite autoimmune.
Non è noto se questo effetto sia specifico per la tiroidite autoimmune o anche per altre malattie endocrine autoimmuni. ( Xagena2002 )

Gartner R et al , J Clin Endocrinol Metab 2002 ; 87 : 1687-1691



Indietro