XagenaNewsletter
Dermabase.it
Medical Meeting
Xagena Mappa

La supplementazione a base di Testosterone non aumenta la densità minerale ossea, e non riduce le cadute negli uomini con carenza ormonale


L'effetto della supplementazione di Testosterone sulla densità minerale ossea ( BMD ) e il rischio di frattura o di caduta tra gli uomini con carenza di Testosterone rimangono non ben definiti.

L'invecchiamento è associato a un calo dell'1% dei livelli di Testosterone nei maschi.
La carenza di androgeni può portare a disfunzioni dei sistemi scheletrico, riproduttivo e cardiovascolare.
Dato che le evidenze ad oggi sono sia discordanti che insufficienti, l'obiettivo di una revisione sistematica è stato quello di valutare l'effetto della supplementazione di Testosterone sulla densità minerale dell'osso.

In una revisione sistematica e meta-analisi, i ricercatori hanno analizzato i dati di 52 studi randomizzati e controllati con 5.067 uomini di almeno 40 anni che avevano una diagnosi di carenza di Testosterone a cui era stata prescritta una terapia a base di Testosterone.
Gli studi hanno confrontato la supplementazione di Testosterone con il placebo.

L'endpoint primario era la densità minerale ossea totale. Gli esiti secondari includevano il tasso di incidenza di fratture e cadute, mortalità per qualsiasi causa, rischio di eventi cardiovascolari e qualità di vita.

Tra gli studi inclusi nell'analisi, 10 non hanno riportato alcun aumento della densità minerale ossea totale a breve termine ( 8 studi randomizzati e controllati; 1.081 partecipanti; differenza media, 0.01 g/cm2; IC al 95%, da 0.02 a 0.01 ) o a lungo termine ( 2 studi randomizzati e controllati; 156 partecipanti; differenza media, 0.04 g/cm2; IC al 95%, da 0.07 a 0.14 ) con integrazione di Testosterone.

Uno studio ha riportato che il tasso di incidenza di frattura è risultato ridotto tra coloro che erano stati assegnati a Testosterone ( 211 partecipanti; RR = 0.92; IC al 95%, 0.31-2.76 ); uno ha riportato un più basso tasso di incidenza di caduta nel gruppo Testosterone ( 262 partecipanti; RR = 0.7; IC al 95%, 0.34-1.45 ).

Cinque studi hanno riportato che l'integrazione di Testosterone ha ridotto il rischio di mortalità per qualsiasi causa sia a breve che a lungo termine ( 729 partecipanti; RR = 0.55; IC al 95%, 0.29-1.04 ).

L'incidenza di eventi cardiovascolari è risultata simile tra i gruppi Testosterone e placebo in 10 studi ( 1.374 partecipanti; RR = 1.28; IC al 95%, 0.62-2.64 ).

La qualità di vita valutata in base alla scala AMS ( Aging Males’ Symptoms ) è risultata migliorata negli 8 studi che hanno riportato questo endpoint ( 1.328 partecipanti; differenza media, -1.32; IC al 95%, da 2.11 a 0.52 ).

Dallo studio è emerso che, rispetto al placebo, la supplementazione a base di Testosterone non ha aumentato la densità minerale ossea totale o i rischi per eventi cardiovascolari o la mortalità per qualsiasi causa e non ha ridotto i rischi di caduta o frattura. ( Xagena2020 )

Fonte: BMC Endocrine Disorders, 2020

Endo2020 Farma2020


Indietro