Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Reumabase.it

Inibitori SGLT2 per la prevenzione dell'insufficienza renale nei pazienti con diabete di tipo 2


Gli effetti degli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) sull'insufficienza renale, in particolare la necessità di dialisi o trapianto o morte a causa di malattie renali, sono incerti.
Inoltre, gli studi precedenti erano sottodimensionati per valutare in modo solido l'eterogeneità degli effetti sugli esiti renali di diversi livelli di velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) e albuminuria.

È stata effettuata una revisione sistematica e meta-analisi per valutare gli effetti degli inibitori SGLT2 sui principali esiti renali nei pazienti con diabete di tipo 2 e per determinare la coerenza della dimensione dell'effetto tra gli studi e i diversi livelli di eGFR e albuminuria.

È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati, controllati, cardiovascolari o renali sugli inibitori di SGLT2 che hanno riportato gli effetti sui principali esiti renali nelle persone con diabete mellito di tipo 2.

L'esito primario era un composito di dialisi, trapianto o morte a causa di malattie renali. Sono stati calcolati i rischi relativi ( RR ) per esaminare le variazioni dell'effetto in base a sottogruppi di eGFR al basale, albuminuria e uso del blocco del sistema renina-angiotensina ( RAS ).

Hanno soddisfatto i criteri di inclusione A quattro studi che hanno valutato tre inibitori SGLT2: Empagliflozin [ Jardiance ] ( EMPA-REG OUTCOME ), Canagliflozin [ Invokana ] ( CANVAS Program e CREDENCE ) e Dapagliflozin [ Forxiga ] ( DECLARE-TIMI 58 ).

Su un totale di 38.723 partecipanti, 252 hanno richiesto dialisi o trapianto o sono deceduti per malattia renale, 335 hanno sviluppato malattia renale allo stadio terminale e 943 hanno manifestato un danno renale acuto.

Gli inibitori SGLT2 hanno sostanzialmente ridotto il rischio di dialisi, trapianto o morte a causa di patologie renali ( RR 0.67, P=0.0019 ), un effetto costante negli studi ( I2=0%, P per eterogeneità=0.53 ).

Gli inibitori SGLT2 hanno anche ridotto la malattia renale allo stadio terminale ( 0.65, P minore di 0.0001 ) e la lesione renale acuta ( 0.75, P minore di 0.0001 ), con benefici costanti negli studi.

Sebbene siano state identificate evidenze che l'effetto proporzionale degli inibitori SGLT2 possa attenuarsi con il declino della funzione renale ( P trend=0.073 ), ci sono state evidenze chiare e separate di beneficio per tutti i sottogruppi di eGFR, inclusi i partecipanti con un eGFR di base di 30-45 ml/min per 1.73 m2 ( RR 0.70, P=0.0080 ).

Anche la renoprotezione è stata costante tra gli studi indipendentemente dall'albuminuria basale ( P trend=0.66 ) e dall'uso del blocco RAS ( P eterogeneità=0.31 ).

Gli inibitori SGLT2 hanno ridotto il rischio di dialisi, trapianto o morte a causa di patologie renali in soggetti con diabete mellito di tipo 2 e hanno fornito protezione contro le lesioni renali acute.
Questi dati forniscono evidenze sostanziali a supporto dell'uso degli inibitori SGLT2 per prevenire i principali esiti renali nelle persone con diabete di tipo 2. ( Xagena2019 )

Neuen BL et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 845-854

Endo2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro