Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Neurobase.it

Funzione della tiroide materna durante la gravidanza e morfologia cerebrale infantile


È necessaria una adeguata disponibilità dell'ormone tiroideo durante la gravidanza per uno sviluppo ottimale del cervello fetale.
Durante le prime 18-20 settimane di gestazione, la disponibilità dell'ormone tiroideo fetale dipende in gran parte dal trasferimento placentare della tiroxina materna.

Sebbene vari studi abbiano dimostrato che la disfunzione della tiroide materna sia associata a esiti di neurosviluppo subottimali del bambino, resta da identificare la finestra temporale più vulnerabile.br> È stata esaminata l'associazione della funzione tiroidea materna con la morfologia cerebrale infantile, e si è studiato se una qualsiasi associazione dipenda dal momento della valutazione della tiroide.

Questo studio prospettico di coorte faceva parte dello studio Generation R condotto a Rotterdam, nei Paesi Bassi, con una coorte di nascite prospettica basata sulla popolazione.
Le donne incinte che vivevano a Rotterdam con una data di parto prevista nel periodo 2002-2006 erano ammissibili.
Altri criteri di inclusione erano la misurazione dell'ormone stimolante la tiroide ( TSH) a livello sierico e della tiroxina libera ( FT4 ) all'inizio o a metà gravidanza ( 18 settimane o meno ) e dati di risonanza magnetica cerebrale disponibili per il bambino all'età di 10 anni.

I criteri di esclusione erano preesistente disturbo tiroideo, trattamento del disturbo tiroideo, gravidanza gemellare, gravidanza indotta da fecondazione in vitro e dati di risonanza magnetica di qualità subottimale o risultati accidentali maggiori sulla risonanza magnetica.

L’esito principale era l'associazione tra le concentrazioni materne di TSH e FT4 con i risultati della risonanza magnetica cerebrale nei bambini.

Le analisi di regressione hanno tenuto conto dell'età gestazionale al prelievo di sangue, dell'età materna, dell'etnia, del livello di istruzione, del fumo, della positività all'anticorpo anti-perossidasi tiroidea ( AbTPO ), del sesso infantile, dell'età alla risonanza magnetica e del volume intracranico totale.
È stata anche studiata la modifica dell'effetto in base all'età gestazionale al prelievo di sangue.

Tra il 2001 e il 2005, 7.069 donne sono state arruolate all'inizio o alla metà della gravidanza ( 18 settimane di gestazione o meno ), di cui 5.088 non sono state incluse perché non disponevano di dati disponibili sulle concentrazioni di TSH sierico materno o FT4 ( n=1.175 ), il loro bambino non aveva fatto la risonanza magnetica cerebrale ( n=3.377 ) o soddisfacevano criteri di esclusione ( n=536 ).

Pertanto, 1.981 coppie madre-figlio sono state incluse nello studio, con concentrazioni di TSH e FT4 misurate durante la gravidanza a una mediana di 13.1 settimane di gestazione e morfologia cerebrale della prole valutata mediante risonanza magnetica a una età media di 9.9 anni.

Il TSH materno ha mostrato una associazione a forma di U invertita con il volume totale della sostanza grigia della prole ( P=0.007 ) e con il volume della materia grigia corticale ( P=0.022 ).

L'associazione del TSH materno con il volume della sostanza grigia totale del bambino ( P interazione=0.053 ) e il volume corticale ( P interazione=0.086 ) è differita in base alla durata della gestazione.

Le analisi stratificate per età gestazionale al prelievo di sangue hanno mostrato una associazione a forma di U inversa tra TSH materno e volume totale della materia grigia del bambino e volume della materia grigia corticale, che era più evidente a 8 settimane di gestazione.

Dopo circa 14 settimane di gestazione, il TSH non era più associato alla morfologia cerebrale infantile.
Le concentrazioni materne di FT4 non sono risultate associate al volume totale di sostanza grigia del bambino dopo l'aggiustamento per il volume intracranico totale ( P=0.75 ).

È stato dimostrato che la funzione tiroidea materna sia bassa sia alta è correlata a minore sostanza grigia totale e volume corticale del bambino.
Questo studio è il primo a dimostrare che una associazione con un esito di sviluppo neurologico è più evidente quando la funzione tiroidea materna viene misurata all'inizio della gravidanza.
Questi nuovi risultati suggeriscono che lo sviluppo del cervello embrionale è particolarmente vulnerabile all'alterata funzione tiroidea materna. ( Xagena2019 )

Jansen TA et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 629-637

Gyne2019 Endo2019 Pedia2019 Neuro2019



Indietro