Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Reumabase.it

Farmaci per il diabete: il Pioglitazone associato a cancro della vescica


Uno studio caso-controllo nidificato ha mostrato che il farmaco antidiabetico Pioglitazone ( Actos ) è associato a un aumentato rischio di cancro alla vescica.

I pazienti con diabete mellito di tipo 2 trattati con Pioglitazone hanno presentato un aumento dell’83% del rischio di tumore della vescica ( rate ratio aggiustato, RR=1.83 ) rispetto a quelli che non avevano mai assunto il farmaco.

Questo appare essere un effetto farmaco-specifico; pazienti trattati con l’altro glitazone, Rosiglitazone ( Avandia ), hanno presentato un rischio molto basso ( RR=1.14 ).

Le conclusioni di questa analisi sono differenti da quelle di uno studio presentato all’Annual Meeting dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ), che ha invece indicato che il rischio di carcinoma alla vescica è un effetto di classe dei glitazoni.

Per chiarire il potenziale rischio con il Pioglitazone, i ricercatori della McGill University di Montreal in Canada hanno analizzato i dati di un database di grandi dimensioni di cure primarie del Regno Unito, identificando 115.727 pazienti a cui erano stati prescritti farmaci per il diabete mellito nel periodo 1988-2009.

L'età media dei partecipanti era di 64, e il tempo medio di follow-up è stato di 4.6 anni.

I pazienti che avevano ricevuto una prescrizione di un tiazolidinedione tendevano ad essere più obesi, ad essere fumatori, e di presentare diabete scarsamente controllato.

In questa coorte, lo 0.5% dei pazienti stava assumendo Pioglitazone o Rosiglitazone in monoterapia, con una durata media di utilizzo di circa 2.2 anni.

Durante 526.559 anni-paziente di follow-up, ci sono stati 470 nuovi casi di cancro alla vescica, per un tasso di 89.4 per 100.000 anni-paziente.

L'analisi primaria ha riguardato solo 376 casi con 1 anno di follow-up prima della diagnosi di cancro. I casi sono stati confrontati con 6.699 controlli.

Il tasso di cancro alla vescica è risultato aumentato con l'uso prolungato di Pioglitazone; coloro che stavano assumendo il farmaco da più di 2 anni presentavano un rischio raddoppiato ( RR=1.99, P per trend 0.050 ).

Inoltre, è stata osservata una relazione dose-risposta; i pazienti la cui dose cumulativa superava i 28 g avevano un rate ratio aggiustato di 2.54 ( P per trend 0.030 ).

Al contrario, la durata d'uso e il dosaggio cumulativo non hanno influenzato il rischio tra i pazienti trattati con Rosiglitazone.

Anche se i rapporti dei tassi erano relativamente alti, i rischi in termini assoluti sono risultati bassi, con un aumento del tasso per la lunga durata di utilizzo di 88 casi per 100.000 anni-paziente e un aumento del tasso per l’alto dosaggio di 137 casi per 100.000 anni-paziente.

In un'analisi di sensibilità che ha incluso tutti i 490 casi, i risultati complessivi non sono risultati modificati.

Un possibile meccanismo alla base del tumore della vescica è rappresentato dall'irritazione cronica per la formazione di cristalli. ( Xagena2012 )

Fonte: British Medical Journal, 2012



Endo2012 Onco2012 Uro2012 Farma2012


Indietro