Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Efficacia e sicurezza di Larotrectinib nei pazienti con carcinoma tiroideo positivo alla fusione TRK


Larotrectinib ( Vitrakvi ) è un inibitore altamente selettivo del recettore della tropomiosina chinasi ( TRK ) con efficacia dimostrata su vari tumori solidi positivi alla fusione di TRK.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Larotrectinib nei pazienti con carcinoma tiroideo positivo alla fusione di TRK.

Sono stati raccolti i dati di tre studi clinici di fase I/II su Larotrectinib ( NCT02576431, NCT02122913 e NCT02637687 ).

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato dallo sperimentatore in base ai criteri di valutazione della risposta nei tumori solidi v1.1.
Gli endpoint secondari includevano la durata della risposta ( DoR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Il cut-off dei dati è avvenuto nel luglio 2020.

Sono stati trattati 29 pazienti ( età media: 60; range: 6-80 ) con tumore della tiroide positivo alla fusione TRK.
L'istologia del tumore era papillare ( PTC ) in 20 ( 69% ) pazienti, follicolare ( FTC ) in 2 ( 7% ) e anaplastica ( ATC ) in 7 ( 24% ) pazienti.

Tra i 28 pazienti valutabili, il tasso di risposta globale è stato del 71% ( IC 95%: 51-87 ); le migliori risposte sono state risposta completa in 2 ( 7% ) pazienti, risposta parziale in 18 ( 64% ), malattia stabile in 4 ( 14% ), malattia progressiva in 3 ( 11% ) e indeterminata in 1 ( 4% ) a causa di progressione clinica prima della prima valutazione post-basale.

Il tasso di risposta globale è stato dell'86% ( IC 95%: 64-97 ) per tumore tiroideo papillare / follicolare e del 29% ( IC 95% 4-71 ) per tumore anaplastico della tiroide.

Il tempo mediano alla risposta è stato di 1.87 mesi ( intervallo 1.64-3.68 ).

Le percentuali della durata della risposta, sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale a 24 mesi sono state rispettivamente pari a 81, 69 e 76%.

Gli eventi avversi correlati al trattamento erano principalmente di grado 1-2.

In conclusione, nel carcinoma della tiroide positivo alla fusione TRK, Larotrectinib ha dimostrato un controllo della malattia rapido e duraturo e un profilo di sicurezza favorevole nei pazienti con malattia avanzata che richiedono una terapia sistemica.
Le fusioni del gene NTRK sono noti driver oncogenici e sono state identificate in varie istologie di carcinoma tiroideo, più comunemente nel carcinoma papillare della tiroide.
Questa è la prima pubblicazione che ha studiato specificamente un inibitore TRK in una coorte di pazienti affetti da carcinoma tiroideo positivo alla fusione TRK. ( Xagena2022 )

Waguespack SG et al, Eur J Endocrinol 2022; 186: 631-643

Endo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro