Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Controllo di GH e IGF1 nei pazienti con acromegalia: risposte al trattamento con analoghi della somatostatina e dopamino-agonisti


È stato studiato il controllo dell’ormone della crescita ( GH ) e del fattore di crescita insulino-simile ( IGF1 ) sulla acromegalia nella pratica clinica nel Regno Unito, con e senza trattamento medico.

Il Registro per la acromegalia del Regno Unito ha raccolto i dati biochimici e clinici di routine sui pazienti con acromegalia da 31 Centri britannici con dati sui valori di ormone della crescita raccolti nell’arco di più di 30 anni.
Sono stati identificati 2.572 pazienti.
Gli analoghi della somatostatina sono stati utilizzati nel 40.6% dei pazienti, mentre gli agonisti dopaminergici nel 41.4%.

Sono stati identificati 29.181 dati registrati di ormone della crescita correlati ai dati su IGF1, chirurgia, radioterapia e cure mediche e i dati ricavati da 9.900 distinti periodi di cura, tra cui 4.206 cicli di trattamento medico.

L’ormone della crescita è stato considerato controllato quando è risultato minore o uguale a 2 microg/l.

Il controllo di GH e IGF1 è migliorato nel tempo, in particolare durante il trattamento medico.

Il controllo durante il trattamento medico è risultato migliore dopo intervento chirurgico e/o radioterapia precedente.

Con gli analoghi della somatostatina a lungo termine, GH è risultato controllato nel 75% dei casi, IGF1 nel 69% ed entrambi nel 55%; con gli agonisti dopaminergici a lungo termine, il controllo di GH è stato simile ma peggiore per IGF1 ( 77% / 55% / 45% ).

Le risposte al trattamento a lungo termine con Octreotide LAR ( Sandostatina LAR ) e Lanreotide Autogel ( Somatuline Autogel ) sono state sostanzialmente simili, ma è stato osservato un fallimento nell’aumentare la dose degli analoghi della somatostatina fino alla dose massima efficace.

In conclusione, il controllo della acromegalia nel Regno Unito sta migliorando, ma livelli di ormone della crescita sicuri sono raggiunti ancora solo nel 75% dei casi in trattamento a lungo termine, con GH e IGF1 entrambi normalizzati in non più del 55% dei pazienti trattati con analoghi della somatostatina e nel 36% di quelli trattati con Cabergolina.
Non è chiaro se il controllo di GH, ma non di IGF1, osservato in molti pazienti sia sufficiente a ripristinare la normalità nella morbilità e mortalità a lungo termine. ( Xagena2013 )

Howlett TA et al, Clin Endocrinol 2013; 79 : 689-699

Endo2013 Farma2013


Indietro