Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Gastrobase.it

Bassi livelli di testosterone negli uomini con diabete di tipo 2: significato e trattamento


Il rapporto tra testosterone e diabete mellito negli uomini è una questione importante, poiché un terzo degli uomini statunitensi dai 65 anni in su ha il diabete, con una percentuale simile con bassi livelli di testosterone.

Sono stati selezionati dalla letteratura studi basati sulla popolazione dal 1970 al 2011.

Bassi livelli di testosterone sono stati comunemente associati a diabete mellito di tipo 2 e sindrome metabolica e hanno identificato gli uomini con un profilo metabolico sfavorevole.

La differenza nei livelli di testosterone tra gli uomini con diabete mellito rispetto agli uomini senza diabete è moderata e paragonabile in grandezza agli effetti di altre malattie croniche, suggerendo che bassi livelli di testosterone possono essere un indicatore di cattiva salute.

Anche se l'associazione inversa del testosterone con il diabete è stata parzialmente mediata da SHBG ( globulina legante gli ormoni sessuali ), i bassi livelli di testosterone sono legati al diabete attraverso una relazione bidirezionale con il grasso viscerale, muscolare, ed eventualmente osseo.

Ci sono prove da studi randomizzati che la terapia con testosterone altera la composizione del corpo in modo metabolicamente favorevole, ma i cambiamenti sono modesti e non sempre corrispondono a una riduzione della resistenza all'insulina o a miglioramenti nel metabolismo del glucosio.

In conclusione, la risposta chiave per gli uomini anziani, in sovrappeso, con diabete mellito di tipo 2 e livelli di testosterone sotto la norma, dovrebbe essere l'attuazione di misure che influenzino la stile di vita, come la perdita di peso e l'esercizio fisico, che, in caso di successo, possono aumentare il testosterone e fornire molteplici benefici per la salute.

Sebbene la terapia approvata per il diabete debba essere utilizzata, la terapia con testosterone non deve essere somministrata a questi uomini fintanto che non saranno eseguiti studi clinici per chiarire vantaggi e rischi. ( Xagena2011 )

Grossmann M, J Clin Endocrinol Metab 2011; 96: 2341-2353



Endo2011



Indietro