OncologiaMedica.net
Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net

Mortalità cardiovascolare a lungo termine in pazienti con carcinoma differenziato della tiroide


È stato condotto uno studio con lo scopo primario di valutare il rischio di mortalità cardiovascolare in pazienti con carcinoma tiroideo differenziato.
Gli obiettivi secondari erano valutare la mortalità per tutte le cause ed esplorare la relazione tra il livello di ormone stimolante la tiroide ( TSH; noto anche come tirotropina ) e queste misure di esito.

Persone da due coorti sono stati comparati in modo retrospettivo con analisi di regressione di Cox; 524 pazienti con tumore della tiroide differenziato e 1572 controlli appaiati per sesso ed età da un ampio studio di popolazione nella stessa regione geografica.

L’età media era di 49 anni.

Il follow-up mediano è stato di 8.5 anni per pazienti con carcinoma tiroideo differenziato e 10.5 anni per i controlli.

Cento pazienti con carcinoma tiroideo differenziato ( 19.1% ) sono deceduti, 22 ( 4.2% ) in seguito a malattia cardiovascolare, 39 ( 7.4% ) per il carcinoma tiroideo differenziato e 39 ( 7.4% ) per cause diverse o non-note.

In totale, 85 controlli ( 5.4% ) sono deceduti, 24 ( 1.5% ) per malattia cardiovascolare e 61 ( 3.9% ) per cause diverse o non-note.

I pazienti con tumore tiroideo differenziato hanno mostrato un aumento del rischio di mortalità cardiovascolare e di mortalità per qualsiasi causa ( hazard ratio [ HR ], 3.35 e 4.40, rispettivamente, aggiustati per età, sesso e fattori di rischio cardiovascolari ).

Nel gruppo carcinoma tiroideo differenziato, il livello di TSH è risultato predittivo per la mortalità cardiovascolare; l’hazard ratio aggiustato è stato pari a 3.08 per ogni aumento di 10 volte nella media geometrica del livello di TSH.

In conclusione, il rischio di mortalità cardiovascolare e per tutte le cause aumenta nei pazienti con tumore alla tiroide differenziato, indipendentemente da età, sesso e fattori di rischio cardiovascolare.
Un basso livello di TSH è associato a un aumento di mortalità cardiovascolare, supportando le attuali linee guida della European Thyroid Association e della American Thyroid Association per mitigare la soppressione di TSH in pazienti con basso rischio di ricorrenza del cancro.
Inoltre, i pazienti con carcinoma della tiroide differenziato potrebbero trarre beneficio dal trattamento dei fattori di rischio cardiovascolari. ( Xagena2013 )

Klein Hesselink EN et al, J Clin Oncol 2013; 31: 4046-4053

Onco2013 Cardio2013 Endo2013



Indietro