OncoGinecologia.net
Cardiologia.net
OncologiaMedica.net

Mortalità nei pazienti con malattia di Cushing a più di 10 anni dalla remissione


Non è stato raggiunto un accordo sulle prospettive di sopravvivenza a lungo termine dei pazienti con malattia di Cushing.
È stata studiata l'aspettativa di vita nei pazienti che avevano ricevuto un trattamento curativo e in quelli in cui l'ipercortisolismo è rimasto in remissione per più di 10 anni, e sono stati identificati i fattori che determinano la loro sopravvivenza.

È stato fatto uno studio multicentrico, di coorte, retrospettivo utilizzando casistiche individuali da Centri di riferimento specializzati nel Regno Unito, Danimarca, Olanda e Nuova Zelanda.
I criteri di inclusione per i partecipanti, erano la diagnosi e il trattamento della malattia di Cushing, essere guariti dall'ipercortisolismo da un minimo di 10 anni all'ingresso nello studio, e continuare ad essere guariti senza ricadute fino a chiusura del database o a decesso.

È stato identificato il numero e il tipo di trattamenti utilizzati per ottenere la guarigione, ed è stata usata la mortalità come obiettivo primario.
Sono stati confrontati i tassi di mortalità tra i pazienti con malattia di Cushing e la popolazione generale, espressi come rapporti standardizzati di mortalità ( SMR ).

Sono stati ottenuti i dati per 320 pazienti con 3.790 anni-persona di follow-up a partire da 10 anni dopo la guarigione tra il 2009 e il 2014.

Il follow-up mediano del paziente è stato di 11.8 anni dall'ingresso nello studio e non ha mostrato differenze tra i Paesi.

Non ci sono state differenze significative nelle caratteristiche demografiche, durata del follow-up, comorbidità, numero di trattamenti, o tipo di trattamento fra uomini e donne, così sono stati raggruppati i dati da entrambi i sessi per l’analisi di sopravvivenza.

51 pazienti ( 16% ) della coorte sono morti durante il follow-up dall’ingresso nello studio ( 10 anni dopo la guarigione ).

La sopravvivenza mediana dall’ingresso nello studio era simile per le donne ( 31 anni ) e per gli uomini ( 28 anni ), e di circa 40 anni dalla remissione.

Il tasso standardizzato di mortalità complessivo per la mortalità è stato pari a 1.61 ( P=0.0001 ).

Il tasso standardizzato di mortalità per la malattia circolatoria è aumentato a 2.72 ( P minore di 0.0001 ), ma le morti per cancro non sono state superiori al previsto ( 0.79 ).

La presenza di diabete mellito, ma non di ipertensione, è stata un fattore indipendente di rischio per la mortalità ( HR=2.82; P=0.0095 ).

È stata notata una riduzione graduale della sopravvivenza con un numero crescente di trattamenti.

I pazienti guariti con la chirurgia pituitaria da sola hanno avuto una sopravvivenza a lungo termine simile a quella della popolazione generale ( SMR 0.95 ), rispetto a coloro che non hanno subito la chirurgia pituitaria ( 2.53, P minore di 0.0001 ).

I pazienti con malattia di Cushing che sono stati in remissione per più di 10 anni sono ad aumentato rischio di mortalità totale rispetto alla popolazione generale, in particolare da malattie circolatorie.
Tuttavia, la sopravvivenza mediana dalla guarigione è eccellente a circa 40 anni dalla remissione.

La complessità del trattamento e un maggior numero di trattamenti, riflettendo una malattia più difficile da controllare, sembrano influenzare negativamente la sopravvivenza.
La chirurgia pituitaria da sola è il trattamento di scelta per garantire un risultato ottimale e dovrebbe essere eseguita in un Centro di eccellenza chirurgica. ( Xagena2016 )

Clayton RN et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2016; 4: 569-576

Endo2016



Indietro